OFFERTA CULTURALE ED EDUCATIVA DELL’ISTITUTO ED UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE INTERNE ALLA SCUOLA

             La scuola Primaria “Maria Immacolata” si propone nell’ambito territoriale di erogare un servizio di qualità.

Pone quindi attenzione alla legislazione nazionale e regionale, ai servizi e alle opportunità del territorio, partendo dal Municipio di appartenenza e aprendosi al Comune, alla provincia, alla Regione ed oltre, cercando di intrattenere rapporti e stipulare convenzioni con enti del territorio, visitando mostre, partecipando ad attività sportive, manifestazioni importanti, concorsi con scopi umanitari o di scambio culturale indetti da varie organizzazioni nazionali (FAO, Movimento per la Vita, CIAS ecc) e rapportandosi con il territorio per l’educazione alla salute ed il controllo sanitario (ASL\RM-B), collaborando con le iniziative del Comune ai fini di arricchire, dentro e fuori la scuola, l’offerta culturale ed educativa.

Inoltre le visite di istruzione e le uscite didattiche sono ipotizzate e organizzate considerando l’opportunità formativa che rivestono queste occasioni di “uscire” dalla scuola. Sono risorse che, opportunamente coniugate con quelle offerte dal territorio “vicino”, permettono agli alunni e allo stesso personale educativo un significativo allargamento degli orizzonti culturali.

 

            Oltre ai rapporti con gli enti locali, le aziende sanitarie locali, si considerano fondamentali centri di cultura i rapporti con le famiglie, così che la scuola diventi effettivamente un centro di promozione umana e sociale sul territorio.

 

            Nell’offerta formativa sono curati particolarmente i fattori di qualità:

la “partecipazione”, cioè l’assunzione di responsabilità da parte di tutti i membri delle diverse componenti della scuola, ciascuna in relazione al suo ruolo e alle sue competenze;

l’ “efficienza”, che comporta, sul piano della formazione che la finalità, gli obiettivi e i percorsi per realizzarli, siano attentamente vagliati;

la “trasparenza” permette che tutti gli atti che la scuola produce possano essere “letti” e compresi dall’utenza sia per quanto riguarda gli obiettivi che si perseguono, sia per i criteri valutativi che si adottano, sia per la comunicazione degli esiti parziali in sede di valutazione formativa, e degli esiti conclusivi in sede di valutazione sommativa;

la “flessibilità” indica l’impegno che la scuola assume, compatibilmente con le disposizioni ministeriali (legge sull’autonomia), nel flettere la struttura, orari e programmi in ordine alle esigenze dell’utenza e al conseguimento degli obiettivi;

lo sviluppo del senso critico, della libertà responsabile e dell’impegno sociale in una società in trasformazione e pluralistica per un’educazione alla democrazia, alla intercultura, alla dimensione europea, criteri indispensabili per garantire la collegialità e la trasparenza delle scelte adottate;

la comunicatività e l’educazione ai nuovi linguaggi per assumere una posizione critica di fronte alle

nuove tecnologie e all’influenza dei mass media.

           

Le cinque aree della comunicazione umana: fisica, emotiva, creativa, cognitiva e sociale, sono egualmente investite dai processi formativi pur nella necessaria differenziazione degli ordini di scuola e in conseguenza ai contenuti in cui ci si trova ad operare.

 

            La Scuola Primaria “Maria Immacolata” si adopera perché i suoi allievi conseguano abilità più che nozioni, quindi “imparino ad imparare” ed acquisiscano un metodo di lettura, di studio, di sperimentazione e di ricerca.

Attachments:
Download this file (PEI-POFPrimaria.pdf)PEI-POFPrimaria.pdf[ ]130 kB